Archive for the futurismo Category

L’AEREO VALENTINO ZEICHEN

Posted in aviazione e letteratura, battle of britain, futurismo, italo balbo, letteratura aeronautica, mb 339 pan valle giulia, mimmo palladino, roma, valentino zeichen with tags , , on 5 febbraio 2017 by ruotenelvento

VALENTINO ZEICHEN POESIE.JPG

Come accade a tutti i poeti, non ci si accorgerebbe di quelli contemporanei se non li rendesse noti la morte. Anticipata, normalmente, da indigenza, casa fatiscente (abusiva) e ictus, al quale tutti cominciano ad urlare Legge Bacchelli, Legge Bacchelli! E come tutti gli intellettuali italiani, non ci si accorgerebbe che parlano di aviazione se non gli si sfogliassero a caso le opere. Valentino Zeichen – che è morto – scrive di aeronautica e di guerra con quella familiarità e quell’entusiasmo che in genere infastidisce la cultura ufficiale di un Paese che le guerre non ha mai denunciato di farle, gli sono sempre capitate un po’ per caso, ah.

Benché poi tutto romano, Zeichen nasce e trascorre i primi anni in una Fiume sorvolata dai B-17 in missione verso l’Austria (in FIUME 1944, p. 418, a “quote regali” in INFANZIA, p. 225). Non affronta l’aereo con leggerezza, ma sempre con proprietà scientifica

Dalle figurine copiammo in segreto / i progressi dell’aviazione nel secondo conflitto mondiale / e progettammo un velivolo dall’inedita linea aerofallica / battezzandolo ereticamente Vulcan. / Era un caccia strategico con ali a delta, / volava a basse quote tra le file dei banchi / sfuggendo all’intercettazione oculare / ed acustica della maestra. (1)

Il lavoro di Zeichen manifesta un’approfondita conoscenza non solo sul corto respiro, ma anche funzionale, tanto da spiegare meglio di molti tecnici meccanismi operativi, come per esempio la SIGINT

Da secoli i guardiamarina / tengono puntati i binocoli / sul passaggio dello stretto. / Ingigantita dalle lenti, / lo attraversa una squadra / d’incrociatori sovietici / della classe “Kirov”: / osservano il silenzio radar / per non lasciare impronte / nelle memorie di quelli inglesi. (2)

Se la guerra – come le donne e Roma, sempre, ma anche la Borsa, per esempio, nelle opere più recenti – è una costante, in profondità si muovono certe nitide ossessioni. Gibilterra, per esempio. L’altra è il radar (3), frequente occorrenza come il ghiaccio della Plath o l’aveugle di Eluard. Che l’Italia fosse stata all’avanguardia nello sfruttamento dei “raggi elettrici” e che nella Seconda Guerra Mondiale si procedesse ancora a vista è per Zeichen assolutamente intollerabile. Individua il problema in una differenza filosofica che ricorre spesso nei suo versi, quella che vede confrontarsi l’idealismo un po’ magico tedesco e il retorico umanesimo italiano con il neopositivismo anglosassone (4). Si scaglia con violenza contro questa cecità in una delle opere di Piccola Pinacoteca dedicata ad uno dei capolavori di una tardissima aeropittura, “INCUNEANDOSI NELL’ABITATO”, 1939, DI TULLIO CRALI che conlude

L’aereo in picchiata / si incunea fra assonometrici / grattacieli di N.N. / L’arretrata tecnica fascista / non allarma gli invisibili nemici, / avendo essa per scienza / solo la gonfia retorica, / e non il veggente radar. (p. 304)

VALENTINO ZEICHEN.jpg

Un MB339 PAN a Valle Giulia – probabilmente l’aviogetto che più si è avvicinato a Villalisorci, ultima e adeguata residenza di Zeichen il cui legame con Villa Borghese era fortissimo – sotto le ali del quale chiacchierano gli specialisti dell’AMI 

Zeichen butta lì con disinvoltura valutazioni tecniche di lucidità esemplare. POLVERE DI FUTURISMO è una sinossi dell’orientamento e del germe del fallimento della Regia Aeronautica, quella degli effimeri successi di Balbo

Fra un ragtime e l’altro / i falconieri angloamericani / estraevano dalla voliera / volatili rapaci da caccia, / ne ripiegavano i carrelli retrattili / dentro le panciute fusoliere / tenendo in considerazione / il decoro dell’aerodinamica. / Mentre Italo Balbo giocava / coi lenti, pigri idrovolanti, / specie di cassoni ingombranti; / aerei pompieri, appena buoni / per domare gli incendi / o fungere da guardia costiera. / Quell’incendiario Narciso / ammarava negli specchi / degli idroscali d’Italia / per ingigantire il riflesso. / Le appariscenti trasvolate / dal dispendioso spreco / furono la speciale idiozia / d’una tecnica obsoleta / che generò il mostro anfibio, / non del tutto inutile, poiché / ridivenne valore in lire / sui francobolli celebrativi. (p. 498)

Altro punto fondamentale di quegli anni l’aviazione navale, che coglie sia nella lungimiranza di YAMAMOTO (p. 217) che nel criminale difetto dei vertici militari italiani. Non risparmia infatti la Regia Marina con le sue “torte galleggianti da parata per la vista dei golosi gerarchi” (TRATTATO DI VERSAILLES, p. 214), mentre celebra l’eroismo sportivo degli incursori a lenta corsa (p. 222).

Una precisione tale quella di Zeichen che rimprovera l’indebita appropriazione di cui si rese responsabile Mimmo Palladino intitolando Cacciatore di Stelle una sua interpretazione del Piaggio P180 esposto nella Galleria Vittorio Emanuele II a Milano nel 2011. Ovviamente per il poeta di Starfighter ce n’è uno solo:

Forse il “Pennello” ignora / che il caccia F104 Starfighter / già volava nel millenovecentosessanta / lungo la Cortina di Ferro, / durante la Guerra Fredda; / inseguiva le Stelle Rosse / in coda ai MIG sovietici. / L’F104 sfiorava la velocità di Mach 2,4. / In accelerazione di gravità / i piloti svenivano dopo il decollo / incontrando la “visione nera”. / In Germania godeva fama / di “fabbrica di vedove” / anche di “bara volante”. / Complimenti all’artista. (5)

Se prevale l’interesse per la Seconda Guerra Mondiale, Zeichen è attento anche al contemporaneo. In ARTE BELLICO-MIMETICA (p. 420) mostra di non poter resistere a quell’opposizione vero/falso incarnata dai decoy che, realizzati dalla MVM di Torino, vennero utilizzati dagli irakeni durante la guerra del Golfo per ingannare i piloti della Coalizione.

Accanto ad un discorso narrativo diretto non poteva mancare quello allusivo. Soprattutto nell’amore, guerra e aviazione offrono un repertorio che Zeichen sfrutta con ironia. Dopo una serie di manovre acrobatiche con le quali lei lo scoraggia dall’inseguirla, AVIAZIONE (p. 40) si conclude con

Compresi quindi che stava col BARONE ROSSO /  e che non sarebbe più tornata in BARACCA.

Dresda diventa così espressione di una distruzione interiore, mentre l’aviazione si espande a rappresentare l’arte più nobile, la poesia stessa, macchina a volte in stallo dalla quale il pilota riesce a salvarsi soltanto eiettandosi. (6)

La poesia di Zeichen non è repulsiva, né oscura, né sperimentale, DICE VERAMENTE LE COSE. E’ un aristocratico mondano – e tanto – che non se la tira. E’ portarsi il caffè al tavolino e sedersi giusto un momento per leggere un pezzo di cronaca di Roma sul Messaggero. Solo più sorprendente, intenso, circostanziato e con tutto quel delizioso gusto di un abile spreco da sé e di una sottovalutazione dagli altri.

(1) SPAURACCHIO, p 46.

(2) GIBILTERRA, p. 203. L’esattezza dovuta alle Classi sovietiche/russe ricorre anche in DA ZOO GEOPOLITICA, p. 379.

(3) Anche in AI MITOMANI, p. 189.

(4) Soprattutto in BATTAGLIA D’INGHILTERRA, p. 206.

(5) IL P180 E L’F104, p. 468. La visione nera ricorre anche in ANALOGIE TRA IL CINEMA E UN QUADRO DI ANSELM KIEFER – “STERNEN FALL”, II, p. 441.

(6) I PERICOLI DEL VOLO, p. 389.

(testo e foto di Enrico Azzini, grazie a Silvia Mattioli per la sua copia di POESIE 1963 – 2014, Mondadori, Milano 2014)

Annunci

UN PILOTA ITALIANO DELLA GRANDE GUERRA: ENRICO GADDA

Posted in 35 squadriglia, 83 squadriglia, aviazione e letteratura, carlo emilio gadda, enrico gadda, fahrenheit radio 3, futurismo, grande guerra, savoia pomilio, SIA SP3, stuparich with tags , on 14 gennaio 2015 by ruotenelvento

PILOTA ITALIANO GRANDE GUERRA ENRICO GADDA

Tessera di riconoscimento di Enrico Gadda (Archivio Liberati)

LA GRANDE GUERRA AD USO E CONSUMO DELL’INTELLETTUALE CONTEMPORANEO

Come si sa, cade quest’anno il centenario dell’intervento dell’Italia in quella che fu in seguito definita Grande Guerra. Più il tempo permette di scoprire e studiare nuovi documenti e più si allontana la percezione – anche negli ambienti più illuminati, penso per esempio ad una lunga e stupita serie di trasmissioni di Fahrenheit su Radio 3 – di cosa rappresentò quella vigilia per tutta una generazione. Se le origini più immediate assumono il semplificato contorno di una irrimediabile futilità, la fatica più grande per gli intellettuali contemporanei è quella di comprendere come gli intellettuali di allora potessero essere così facilmente sensibili alla propaganda interventista: quasi degli imbecilli. A parte gli esteti, i narcisisti, gli antipolitici, gli antitedeschi è proprio così strano che dei borghesi colti del 1915 trovassero almeno una ragione valida per combattere? L’Austria non era famosa solo per una bibita energetica e delle palle di cioccolata e a quei giovani – soprattutto lombardi – il Concerto di Capodanno con la Marcia di Radetzky gli avrebbe dato il sangue in testa. Oggi invece siamo arrivati a considerare come episodio più esemplare e sincero della Prima Guerra Mondiale la tregua di Natale del ’14, fulgida testimonianza di un comune ed universale desiderio di pace dell’uomo. L’uomo europeo poteva essere pacifico, ma con la guerra era abituato a convivere e le sfumature sarebbero infinite, dall’occasione per una nuova Europa (uno Stuparich) al dissolversi in una comunità nuova e sincera e con la penna nera (un Jahier). Questo è, questo è quello che pensava il contemporaneo di quella guerra. La stessa generazione dei Gadda (Carlo Emilio era del ’93, Enrico del ’96) aveva già visto l’Italia impegnata militarmente prima in Abissinia e poi in Libia. Parte della Chiesa e del Socialismo non avevano mancato del resto di far avere la loro benedizione. Scrive il “tranquillo” Renato Serra, morto sul Podgora nemmeno due mesi dopo l’entrata in guerra, per esempio:

Perché non siamo eterni ma uomini; e destinati a morire. Questo momento, che ci è toccato, non tornerà più per noi, se lo lasceremo passare.(1)

IL CONTE DI SANTA FRECCIA

Enrico Gadda in fiera posa guerriera accanto ad un caccia SPAD (Archivio Liberati)

ENRICO GADDA

Enrico Gadda fu tra quei giovani e condivise con chi gli era vicino la decisione di arruolarsi volontario. I fratelli Gadda erano gli eredi di una tradizione familiare che con lo zio Giuseppe aveva attivamente partecipato al Risorgimento e che nel 1915 vedeva l’intervento come una nuova fase di quella Guerra d’Indipendenza che finalmente avrebbe strappato all’Impero Asburgico Trento e Trieste. Mettici poi l’essere giovane: e mettici l’avventura.

Non era entrato in un reparto da caccia che da due mesi scarsi quando l’incidente al ritorno di una missione di scorta arrestò ogni ulteriore possibilità combinatoria.

Enrico Gadda non ebbe così il tempo di raggiungere la fama di un Baracca o di un Piccio, ma si rivelò sempre un pilota capace e affidabile. Aveva assolto con regolarità 72 missioni di guerra (40 con la 35ª Squadriglia e 32 con l’83ª), prendendo dei rischi solo in caso di assoluta necessità, in particolare nei giorni di Caporetto, quando era di vitale importanza impedire che gli apparecchi cadessero in mano nemica. Carlo Emilio Gadda verrà a conoscenza della morte di Enrico solo nel gennaio dell’anno successivo, al ritorno dalla prigionia. Da quel giorno 50 anni della sua narrativa sono tutti attraversati – in modo complesso e contraddittorio – dall’assenza del fratello aviatore.

(1) Esame di coscienza di un letterato, in Scritti di Renato Serra, Le Monnier, Firenze 1958, p. 404.

Enrico Azzini – Il tenente pilota Enrico Gadda – Breve vita del Gadda bello, spensierato e aviatore – IBN, Roma 2014 – Euro 13,00

INTONARUMORI FOR SALE

Posted in futurismo, intonarumori, russolo with tags on 15 settembre 2014 by ruotenelvento

INTONARUMORI 01

Questo slideshow richiede JavaScript.

Intonarumori – the noise-producing device designed by Luigi Russolo to give an appropriate voice to Futurismo –  replica for sale. Built as a ronzatore, the inner gear makes a sound like a saw. For further info enrico@ruotenelvento.it

INTONARUMORI FOR SALE

Posted in futurismo, intonarumori, russolo with tags on 20 giugno 2013 by ruotenelvento

Questo slideshow richiede JavaScript.

Intonarumori – the noise-producing device designed by Luigi Russolo to give an appropriate voice to Futurismo –  replica for sale. Built as a ronzatore, the inner gear makes a sound like a saw. For further info enrico@ruotenelvento.it