Archive for the grande guerra patriottica Category

GUIDA AGLI AEROPLANI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE: PROTEZIONE E CORAZZE

Posted in focke wulf 190, grande guerra patriottica, ibn editore, industrial design in war, messerschmitt bf 109, unione sovietica with tags , on 9 settembre 2015 by ruotenelvento

GUIDA AEROPLANI SECONDA GUERRA MONDIALE CORAZZA - AIRCRAFT ARMOUR 01

Ci sono aerei nati per prendersi la rogna di appoggiare i movimenti della fanteria e di levarla, quando serve, dai guai. Se la fanteria sta a terra, come si fa a far sopravvivere l’equipaggio di un velivolo da appoggio tattico che se la deve sbrigare a bassa quota tra il fioccare un po’ mirato e un po’ casuale dei colpi della contraerea? Un sistema è quello di prendere un aereo che già è in produzione, saldare nei punti sensibili un po’ di piastre corazzate, aggiungere un bel parabrezza blindato e il gioco sembrerebbe fatto. Anche il FW 190 F non sfuggì a questa sorte, anche se le sue corazzature ai lati dell’abitacolo, con quei bei punti di saldatura che cominciano a arrugginire, sembrano più consone a un’improvvisata protezione per difendersi dal traffico della Tangenziale che a un’arma decisiva. Altrimenti si progetta ex novo l’aereo intorno a una vasca blindata con funzione strutturale e poi tutto il resto appresso, senza nemmeno tanta tecnologia, dal momento che il resto della fusoliera, insieme alle ali, può essere realizzata in legno con rivestimento di compensato. Questo era l’Ilyushin IL-2, che come apparecchio da appoggio e assalto non ha avuto rivali. Altri aerei ideati espressamente per questo ruolo, come il tetro bimotore Henschel Hs.129, si sono rivelati un fallimento complice la scarsa potenza dei propulsori.

GUIDA AEREI SECONDA GUERRA MONDIALE

Vuoi sapere di più sull’Ilyushin IL-2 e sugli altri velivoli della Seconda Guerra Mondiale? Con un testo semplice e leggero arricchito da inedite tavole schematiche AIRCRAFT FOR BEGINNERS prova a spiegare per quale motivo gli aerei siano progettati, costruiti e utilizzati in una maniera ben precisa. Se il lettore volesse poi vedere dal vero gli aerei esaminati in coda ad ogni capitolo trova le informazioni sugli esemplari in esposizione statica o in condizioni di volo più vicini al nostro Paese. Una guida per chi guarda l’aereo per la prima volta e con curiosità, ma nella quale anche gli appassionati più smaliziati potranno trovare più di un elemento di interesse.

Enrico Azzini – AIRCRAFT FOR BEGINNERS – 25 aerei della II Guerra Mondiale, IBN Editore, p. 114, EURO 13,00

Annunci

LA CAVALLERIA – L’impiego tattico dalle origini alla carica di Isbuscenskij – Dario Testi

Posted in carica di cavalleria, grande guerra patriottica, ibn editore, reggimento savoia with tags , on 15 novembre 2011 by ruotenelvento

Cominciamo, in un certo senso, dalla fine, insomma dal giudizio dell’autore sulle fonti. Non è mai facile districarsi nelle pieghe di un episodio come quello sul quale si concentra l’attenzione di Dario Testi, uno di quegli episodi nei quali Beltrame, nei suoi disegni per la Domenica del Corriere, dava il meglio della sua arte. I capitoli introduttivi delineano gli alti e bassi dei reparti montati a cavallo, a volte leggeri ed esplorativi, a volte pesanti e di sfondamento, a tratti fatti passare in secondo piano da archi lunghi e picche e infine cancellati dall’arma automatica. Testi prepara così il terreno per convergere su quella che fu l’ultima carica della storia, quando a Isbuscenskij, un paesino a poco più di 100 km da Stalingrado, il Savoia Cavalleria riuscì a sbaragliare d’impeto tre battaglioni siberiani che avevano passato il Don, preludio di quella drammatica controffensiva che solo pochi mesi più tardi avrebbe decimato l’ARMIR. Testi non si sottrae al dovere di segnalare certe contraddizioni sulle testimonianze dirette ormai lontanissime e univoche, dal momento che non esistono voci nè del nemico nè dell’alleato tedesco. Inoltre il giovane storico si interroga sui motivi della fortuna di un Reggimento come il Savoia, inferiore rispetto a quella di altre unità come Ariete o Folgore.

Di quell’alba del 24 agosto 1942 rimane la realtà di un successo tattico ottenuto grazie al coraggio individuale e alla preparazione di squadra. Come a livello strategico rimane l’evidenza dell’incoscienza e della leggerezza di affrontare una campagna così impegnativa con mezzi e logistica – l’autore esamina lungamente quest’aspetto – più moderni ed efficienti.

LA CAVALLERIA – L’impiego tattico dalle origini alla carica di Isbuscenskij – DARIO TESTI – IBN EDITORE – 136 pp – 15,00 euro

ALEXEJA ATANASJIOVA – eroica aviatrice dell’Unione Sovietica

Posted in aviatrici famose, documentario aeronautico, grande guerra patriottica, le bourget 1932, unione sovietica with tags , on 15 agosto 2011 by ruotenelvento

Il collega Dmitri Bolik, responsabile del Centro Documentazione della Tupoliov – che ha collaborato più volte con aviodada – è riuscito a recuperare un rarissimo documentario di Alexeja Atanasjiova al Salone di Le Bourget del 1932. Accogliamo con estremo interesse questa importantissima scoperta storica, ricordando che l’ing. Bolik si era già adoperato perchè il museo di aviodada (potete ammirarlo dopo il lungo restauro su https://aviodada.wordpress.com/2009/10/25/vent-au-visage-rend-lhomme-sage/) ottenesse VENT AU VISAGE REND L’HOMME SAGE?, l’aereo utilizzato dall’aviatrice sovietica in quell’esibizione.

 

A spasso tra i relitti (aeronautici): non dimenticate la gonna

Posted in documentario aeronautico, focke wulf 189, grande guerra patriottica, relitti luftwaffe, unione sovietica with tags , on 29 maggio 2011 by ruotenelvento

Un capolavoro di propaganda ed estetica cinematografica.